Comune di Ussaramanna

via Marmilla - 09020
Tel: 0783 95015 - E-mail - PEC

Municipio

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Presentare ISTANZE ALL'UFFICIO TRIBUTI

I contribuenti che intendono comunicare con l'Ufficio Tributi del Comune devono rivolgersi ai seguenti responsabili:

- il Responsabile del Servizio Tributi Dott.ssa Anna Caddeo  

- il Responsabile del Procedimento Rag. Pamela Serra 

ai seguenti recapiti: 

TEL. 078395015 interno 6 o interno 5;

EMAIL:
amministrativo@comune.ussaramanna.vs.it 

ragioneria@comune.ussaramanna.vs.it  

L'Ufficio si occupa della gestione delle seguenti pratiche:

ISCIZIONE - VARIAZIONE E CESSAZIONE  TARI (tassa sui rifiuti urbani)

I cittadini che iniziano il possesso, l’occupazione o la detenzione a qualsiasi titolo di un nuovo immobile,  che può essere adibito ad uso abitativo o all’esercizio di attività commerciale, devono necessariamente comunicare l'iscrizione per l’applicazione della TARI il prima possibile dalla data di avvenuta occupazione. Per conoscere i casi in cui spettano riduzioni, agevolazioni ed esenzioni della TARI è possibile consultare il regolamento comunale pubblicato nella Sezione Regolamenti del sito.

Nel caso in cui si verificano delle modifiche nei dati anagrafici, nel recapito dei documenti, nei dati catastali, nelle metrature e nelle superfici degli immobili, nonché nella tipologia di attività esercitata, il contribuente TARI è tenuto a presentare una dichiarazione di variazione.
Per quanto riguarda le variazioni del nucleo familiare, le stesse sono aggiornate dall’Ufficio Tributi direttamente attraverso l’Anagrafe.

Nei casi in cui si cede un’immobile a qualsiasi uso adibito oppure se si procede al distacco delle utenze elettriche ed idriche è necessario comunicare la cessazione dell’utenza Tari il prima possibile dalla data di avvenuta cessazione. Il distacco delle utenze dovrà essere comprovato con la documentazione di cessazione rilasciata dai gestori delle varie utenze.

Nella sezione modulistica del sito sono pubblicati tutti i modelli che consentono ai contribuenti l'avvio delle suddette pratiche.

RICHIESTA DI INAGIBILITA' O INABITABILITA' DI UN  FABBRICATO

I contribuenti che intendono richiedere l’inagibilita’ o inabitabilita’ di un fabbricato ai fini dell’applicazione dell’Imu e della Tari devono seguire le seguenti indicazioni.

Un fabbricato è da considerarsi inagibile o inabitabile quando risulta pericolante e presenta un degrado funzionale e strutturale superabile solo con interventi di ristrutturazione.

Se sussistono tali condizioni il proprietario può richiedere il riconoscimento dell’ inagibilità o inabitabilità presentando specifica richiesta che dovrà poi essere accertata dall'ufficio tecnico comunale con perizia a carico del proprietario, che allega idonea documentazione alla dichiarazione.

Il riconoscimento della condizione di inagibilità o inabitabilità ai fini Imu comporta la riduzione al 50% della base imponibile in via continuativa sempreché i fabbricati siano ancora in possesso dei requisiti qualificanti lo stato di inagibilità o inabitabilità ed effettivo non utilizzo, in tal caso non è dovuta la dichiarazione ai fini IMU ma dovrà essere effettuata apposita dichiarazione.

Ai fini della TARI gli immobili inagibili o inabitabili possono ritenersi esclusi dall’applicazione della  tassa, purché non siano comunque utilizzati, abbiano le utenze elettriche ed idriche staccate e purché venga effettuata apposita dichiarazione.

ISTANZA DI RIMBORSO A FINI TRIBUTARI 

I contribuenti che intendono chiedere il rimborso di un versamento IMU O TARI NON DOVUTO devono seguire le seguenti istruzioni.

Il contribuente che ha versato indebitamente al comune l’imposta Imu o la tassa Tari può avviare la procedura di rimborso presentando domanda entro il termine di cinque anni dal giorno del versamento o da quello in cui è stato accertato il diritto alla restituzione.

L’istanza di rimborso per l’Imu o per la Tari può essere effettuata utilizzando rispettivamente gli appositi moduli pubblicati nella sezione modulistica.

ISTANZA DI ANNULLAMENTO DI UN AVVISO DI ACCERTAMENTO 

I contribuenti che intendono chiedere l’annullamento di un avviso di accertamento IMU O TARI devono seguire le seguenti istruzioni.

Se il contribuente rileva delle inesattezze nelle contestazioni descritte nell'avviso di accertamento e può dimostrare di essere in regola, può richiedere che il Comune corregga o annulli il proprio atto ad esempio, se viene contestato il mancato versamento di un'imposta, ma il contribuente è in possesso della ricevuta di versamento, oppure se viene contestata la mancata denuncia o dichiarazione, ma il contribuente è in possesso della ricevuta rilasciata per la presentazione della dichiarazione.

L’istanza di annullamento per l’avviso di accertamento dell’Imu o della Tari può essere effettuata utilizzando i moduli pubblicati nell'apposita sezione.

DOMANDA DI ISCRIZIONE IMPOSTA SULLA PUBBLICITA'

I contribuenti che intendono chiedere l’iscrizione per l’imposta comunale sulla pubblicita’ devono seguire le seguenti istruzioni.

L’imposta è dovuta da chiunque effettua la pubblicità tramite insegne, cartelli, targhe, stendardi, striscioni, tele, tende, ombrelloni o altri mezzi similari nonché le pubblicità effettuate per mezzo di proiezioni luminose o cinematografiche, con veicoli pubblicitari, con veicoli in genere, adibiti ad uso pubblico o privato o per trasporti di merci, con aeromobili, in forma ambulante e per mezzo di apparecchi sonori.

Nei casi di pubblicità permanente l’interessato dovrà presentare richiesta di iscrizione per il pagamento dell’imposta comunale sulla pubblicità mediante apposito modello.

Il versamento dovrà essere effettuato entro il 31 gennaio di ogni anno in autoliquidazione dal soggetto passivo.

La domanda di iscrizione può essere presentata avvalendosi del modulo scaricabile nella sezione modulistica.

La comunicazione  relativa alle seguenti pratiche può essere presentata direttamente all’ Ufficio Protocollo del Comune oppure spedita per posta tramite raccomandata con avviso di ricevimento A.R., a mezzo e-mail PEC all'indirizzo protocollo@pec.comune.ussaramanna.vs.it oppure tramite e-mail all’indirizzo protocollo@comune.ussaramanna.vs.it utilizzando i modelli disponibili nella sezione modulistica

 

 

 

Aggiornato il: 21 agosto 2018
|